La luna e le femmine

Io c’ero, non ancora “ottenne” ma c’ero. Davanti alla televisione di casa con papà e mamma a guardare Tito Stagno che litigava con Ruggero Orlando sul fatto se erano o no atterrati o meglio allunati.
Che emozione! Gli uomini sulla LUNA
Amo la LUNA, la amo con tutta me stessa, quando è possibile dormo nuda sotto i suoi raggi.

Non voglio scrivere liriche epiche, voglio solo celebrare questa giornata, lo faccio con semplici copia e incolla…

 Le parole di una donna che ho amato e continuo ad amare Oriana Fallaci

Questa mattina ho acceso la tv e ho visto Maria Rosaria Omaggio leggere Oriana mentre descrive la sua intervista agli astronauti  (1 ora e 40 minuti dall’inizio).

Gli astronauti per un anno, dopo aver toccato la mistica luna, sono andati in giro con un sorriso di gioia un po’ stralunato; inciampando spesso perché stavano sempre con gli occhi rivolti in alto.

Nella mitologia delle donne c’è SELENE che ne rappresenta il mistero

Dalla titanessa della luce, Teia (detta anche Tia o Tea o Theia oppure Euryphaessa) “colei che splende fin lontano” e dal fratello Iperione, identificato con la luminosità del cielo nacquero: Elios, il grande Sole, Selene, la splendida Luna, ed Eos, la luce dell’Aurora.

La dea viene generalmente descritta come una bella donna con il viso pallido, che indossa lunghe vesti fluide bianche od argentate e che reca sulla testa una luna crescente ed in mano una torcia.

Inno omerico

Da lei, dal suo immortale capo, un diffuso chiarore
si spande sulla Terra e una sovrumana bellezza appare
sotto la sua luce: l’aria buia si fa luminosa
di fronte alla sua corona dorata, e i raggi splendono
quando dall’Oceano, lavate le belle membra,
indossata la veste lucente, la divina Selene,
aggiogati i bianchi puledri dal collo robusto,
lancia in avanti il cocchio splendente
e appare, dopo il tramonto, al culmine del mese.

I miti

Luna al suo culmine, regina della notte, collegata alla natura ed al culto dei morti, Selene era anche la dea della fecondità. Per i greci la dea Selene, sorella di Elios e di Eos, guidava il carro lunare. I romani invece vedevano in essa la dea della caccia Diana mentre gli egizi la identificavano con Iside.
Selene è la personificazione della luna piena, insieme ad Artemide, la luna nuova, alla quale è a volte assimilata, ed a Ecate, la luna calante.

Selene, da Sèlas: “splendore”, era spesso raffigurata nel firmamento alla guida del carro lunare trainato dai candidi buoi che Pan le aveva donato per consolarla dell’inganno grazie al quale era riuscito a sedurla: “nascosto il pelo irsuto e nerastro sotto il vello di una bianca pecora, aveva potuto avvicinarla convincendola a salire sulla sua groppa per poi goderla, ormai consenziente” (Kâroly Kerênyi).
Questo racconto cela probabilmente la traccia di un antico rito orgiastico, che aveva per scenario il chiaro di luna della magica notte di Calendimaggio, quando la regina della festa cavalcava in piedi un maschio prima di congiungersi con lui in un sacro amplesso.
Un’altra versione racconta la travolgente passione del dio Pan, tanto brutto e oscuro quanto Selene era bella e splendente, ma Selene amava l’oscurità ricevendone l’abbraccio ogni notte.

Secondo il mito, ogni sera Elios adagiava la sua aurea quadriga sull’Oceano, dove sorgeva Selene, con la quale giaceva nella notte. Poi si salutavano e, mentre il dio solare dormiva nella coppa forgiata da Efesto aspettando l’arrivo della sorella Eos, Selene percorreva il cielo stellato in compagnia delle nove sacerdotesse che badavano al suo argenteo cocchio. Per venticinque giorni i due fratelli amanti s’incontravano, ma gli altri cinque Selene, all’insaputa di Elios, si recava dietro la catena montuosa del Latmo, in Asia Minore, per dedicarsi all’amato Endimione col quale giaceva per tre giorni (quelli del novilunio quando la Luna non è visibile).
Il nome Endimione significa “colui che dimora dentro” e con “dentro” si intende il grembo della grotta, dove la dea lo vide per la prima volta, innamorandosene perdutamente. Così sdraiatasi al suo fianco, lo baciò sulle palpebre e da quel momento i suoi occhi non si riaprirono più, suggellando un sonno eterno. Non è univoca la spiegazione che si dà per questa condizione particolare: c’è chi dice essergli stata imposta proprio da Selene per poterlo ammirare e baciare liberamente ogni volta che lo desiderava; chi parla di un dono di Ipnos, il dio alato del sonno che, innamoratosi di questo bellissimo giovane, gli avrebbe consentito di vivere per sempre dormendo a occhi aperti; chi parla di un dono di Zeus su espressa richiesta di Endimione di cui Zeus era il padre. Infine c’è chi sostiene che si trattasse di una punizione voluta dallo stesso Zeus, per aver Endimione mancato di rispetto a Era, regina degli dei.

Questo per i pagani, ma anche Maria viene rappresentata spesso seduta sopra un spicchio di LUNA